Conto Termico 2.0 – L’incentivo per le pompe di calore si rinnova

A partire dal 31 Maggio 2016 sarà operativo il Conto Termico 2.0, un sistema di incentivazione mirato ad aumentare l’efficienza degli edifici e dei sistemi di riscaldamento.

Che cos’è il Conto Termico 2.0
Si tratta di un incentivo in conto capitale destinato ai soggetti che intendono migliorare l’efficienza del proprio edificio o produrre energia termica da fonte rinnovabile, quali sono le pompe di calore.
Non si tratta di una detrazione fiscale, pertanto il soggetto richiedente percepirà direttamente l’incentivo dal Gestore Servizi Energetici (GSE) con rate annuali da 2 a 5 anni o, se l’importo dell’incentivo non supera 5.000€, in un’unica rata.
Diversamente dalla detrazione fiscale, l’incentivo non ha scadenza temporale.

A chi spetta

Possono beneficiarne le amministrazioni pubbliche ed i soggetti privati, ovvero persone fisiche, condomini ed imprese direttamente o tramite ES.CO.

Quali interventi sono incentivati

Il nuovo Conto Termico 2.0 incentiva interventi legati all’efficientamento dell’involucro degli edifici solo per pubbliche amministrazioni e produzione di energia termica da fonte rinnovabile per tutti i soggetti. È stabilito per legge che il calore prodotto dalle pompe di calore è energia termica rinnovabile.
L’incentivo legato all’installazione di pompe di calore deve avvenire su edifici esistenti ed in sostituzione di sistemi di riscaldamento. Le pompe di calore devono essere ad alta efficienza e soddisfare i medesimi requisiti di COP previsti per il 65%.

Come si ottiene l’incentivo

Il soggetto responsabile, cioè colui che ha sostenuto le spese, può accedere direttamente al “Portaltermico”, il sito predisposto dal GSE, entro 60 giorni dalla data di conclusione lavori ed inserire i documenti richiesti come la “scheda-domanda”, comprensiva di tutte le relazioni tecniche relative agli interventi realizzati.
Il GSE sta inoltre predisponendo anche un “catalogo dei prodotti idonei” per apparecchi sotto i 35kW per facilitare la procedura di accesso. Non è prevista la cumulabilità degli incentivi.


A quanto ammonta l’incentivo

Viene incentivata l’energia rinnovabile prodotta pertanto l’incentivo è legato alla potenza termica, al COP e alla zona climatica di realizzazione dell’impianto.

Quando comprare il condizionatore d’aria

Nel 2018 avremo un’estate eccezionale, segnata da afa e caldo soffocante fino a 47°. L’acquisto di un condizionatore diventa così una scelta quasi obbligata, soprattutto per le famiglie con anziani e bambini. Ma attenzione: insieme alle temperature anche i prezzi schizzeranno alle stelle con l’avanzare dell’estate e l’arrivo delle prime ondate di calore. Qual è il momento migliore per acquistare un condizionatore?

L’acquisto di un condizionatore diventa così una scelta per molti versi obbligata, soprattutto per famiglie con anziani e bambini, salvo che insieme alle temperature anche i prezzi schizzeranno alle stelle con l’avanzare dell’estate.

La piattaforma di confronto prezzi idealo ha analizzato l’andamento dei prezzi nella categoria Condizionatori & Climatizzatori provando a sfatare qualche mito e individuare concrete opportunità di risparmio:

  • Il momento migliore per acquistare un condizionatore d’aria nuovo? Tra la seconda metà di maggio e la seconda metà di giugno!
  • A quali temperature si scatena la corsa all’acquisto dei condizionatori? Una volta superati i 35°!
  • Ha senso aspettare la bassa stagione per acquistare? Non sempre: a causa dell’esaurimento scorte, nei mesi invernali i prezzi reperibili online sono mediamente più elevati del 15-20%.

condizionatori portatili sono, inoltre, senza dubbio la soluzione più popolare e più immediata per climatizzare gli ambienti domestici. A causa dei prezzi d’acquisto e d’installazione molto ridotti rispetto ai modelli fissi, e rappresentano perciò la quota maggiore dei dispositivi acquistati all’ultimo minuto su idealo in prossimità delle prime ondate di calore estive. Ma il tipo di tecnologia, l’impatto ambientale ed, infine, i consumi energetici con (relativi effetti sulle bollette) rappresentano il risvolto più oneroso di un acquisto d’emergenza.

 

Hotel

Trovarsi a proprio agio durante la propria vacanza, in un ambiente confortevole e tranquillo è vitale, che le camere dell’Hotel siano parte di questo ambiente, trasforma la vacanza in un momento indimenticabile.

La climatizzazione del Hotel in cui decidiamo di alloggiare è essenziale ed è noto come durante la notte ci sia la necessità di una temperatura ben regolata ed è questo che ha condotto la proprietà alla scelta di un impianto Hitachi.

Gli ospiti del Hotel Tamariu possono vivere un’esperienza di benessere che si respira oltre che nell’aria anche nella cortesia e nelle attenzioni del personale. Per questo e tanto altro i loro clienti tornano anno dopo anno.